Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/rrafanet/public_html/dirittonavigazione.com/plugins/content/uddeim_pms_contentlink.php on line 50

Costa Concordia

Costa Concordia: scatola nera sara' trasferita in Liguria

Proseguirà in Liguria l'incidente probatorio sulla 'scatola nera' della nave Costa Concordia naufragata all'Isola del Giglio il 13 gennaio. Il collegio dei periti
nominato dal gip di Grosseto, Valeria Montesarchio, ha individuato a La Spezia, nei locali dell'industria Oto Melara, l'ambiente idoneo alla duplicazione delle
memorie digitali del Voyage data recorder (Vdr) della nave e di altre componenti informatiche.
Le operazioni consistono nell'estrapolazione e nello scarico dei dati contenuti nella scatola nera e a La Spezia i periti del gip hanno individuato un ambiente
fisicamente idoneo, isolato da interferenze elettromagnetiche. Questa attività - che si svolge con una riunione di periti e consulenti - era prevista il 27 marzo
scorso presso l'Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) a Roma, ma venne rinviata.
La duplicazione del Vdr si svolgerà con l'ausilio dei tecnici della ditta tedesca titolare del software informatico per il suo funzionamento, mentre, come noto,
i periti del gip di Grosseto sono affiancati dal Gruppo antifrodi telematiche (Gat) della Guardia di finanza, che ha in custodia parte della 'scatola nera'.
Un'altra parte è custodita negli uffici giudiziari di Grosseto.

 

   

Costa Concordia: Onorato, rimozione relitto tra un anno

La rimozione del relitto della Costa Concordia avverra' entro la primavera del 2013. Lo ha detto oggi in una conferenza stampa a Savona il direttore generale di
Costa Crociere, Gianni Onorato.
''In questi due mesi ci siamo dedicati ad una vera emergenza: assistere i passeggeri, le famiglie e l'equipaggio. Abbiamo impegnato
tutte le nostre forze in questa direzione. Oggi, dopo il completo svuotamento dei serbatoi, della Costa Concordia e la pulizia dei fondali, iniziata la settimana
scorsa, ci stiamo concentrando sul piano di rimozione della Concordia. Entro il 20 aprile si dovra' trovare l'azienda specializzata che rimuovera' la Concordia,
operazione che avverra' entro la primavera del 2013''.
costa concordia news

 

   

Costa Concordia : Schettino pubblicherà un memoriale

Il capitano Francesco Schettino,reponsabile del naufragio della nave da crociera Costa Concordia,che ha provocato la morte di 36 passeggeri,non ci sta ad essere

additato come il Capitan Codardo e sta scrivendo un libro di memorie,la cui pubblicazione sarà affidata ad un editore americano.Il comandante, nativo di

Piano di Sorrento, in provincia di Napoli, racconterà la sua versione dei fatti e come, a suo dire, sia diventato capro espiatorio di tutta la vicenda, dopo essere

stato "scaricato" dai vertici di Costa.

Nel frattempo si aggrava sempre di più la sua posizione, dopo che la moldava Domnica Cemortan ha ammesso di essere sulla plancia al momento della collisione con lo

scoglio e di "amare il comandante Schettino". Al momento dell'impatto la ragazza 25enne alloggiava nella sua cabina.

Attualmente Schettino è iscritto nel registro degli indagati della procura di Grosseto per omicidio plurimo colposo, naufragio, abbandono di incapaci, abbandono della

nave e omessa comunicazione alle autorità marittime.

 

   

Costa Concordia : il punto della situazione

Le operazioni di svuotamento delle cosiddette “acque nere”, le sostanze inquinanti e gli idrocarburi

ancora nella sala macchine della Concordia,sono riprese ieri dopo due giorni di interruzione a causa

del maltempo.Il monitoraggio dell’ente per la protezione ambientale della Toscana ha dato anche ieri

risultati positivi,rassicurando sia sulla stabilità del relitto che sullo stato delle acque circostanti.

Ci sono novità invece sul fronte dei risarcimenti ai passeggeri, con particolare riferimento

a quelli che non hanno accettato i circa 15.000 euro stabiliti pochi giorni dopo il naufragio da

Costa Crociere e molte associazioni per la tutela dei consumatori. Una dozzina di passeggeri

tedeschi, ha scritto la Sueddeutsche Zeitung, ha intenzione di fare una causa milionaria negli

Stati Uniti e direttamente alla Carnival, la società che controlla Costa Crociere.

Punteranno probabilmente a una causa milionaria di fronte alla giustizia statunitense, alcune

delle vittime tedesche del naufragio della Costa Concordia. L'incontro dello scorso fine

settimana, a Monaco, con l'avvocato Usa John Arthur Eaves, sembra aver convinto molti

dei presenti, piu' di una dozzina di persone, racconta il quotidiano Sueddeutsche Zeitung.

Invece di accettare i 15mila euro proposti, in cambio della rinuncia ad azioni legali,

dall'italiana Costa Crociere ai passeggeri non feriti, Eaves punta a far causa alla holding

statunitense, Carnival, con sede a Miami. E tira in ballo somme importanti: 100mila dollari

per la sola presenza a bordo, tra i 300mila e i 700mila dollari per risentimenti fisici o psichici

(tick, attacchi di panico, eruzioni cutanee), fino ai 5 milioni per i parenti di chi ha perso la vita

.Intanto oggi sono due mesi esatti dal giorno del naufragio della Concordia e La buona notizia è

che l’85 per cento del carburante, su quasi 2 mila tonnellate stimate nei 17 serbatoi, è stato

estratto senza danni: “La minaccia ambientale è scongiurata”.Poi c'è decreto rotte appena firmato:

regole severe per la navigazione in sicurezza nelle zone vulnerabili.

Intanto continuano le operazioni a bordo della Costa Concordia. Mentre continua il lavoro della

magistratura, prosegue anche quello all'interno dell'imbarcazione.Fino ad ora alcune zone della nave

erano rimaste inesplorate, perche' difficilmente raggiungibili dai sommozzatori.Una nota diramata

dalla struttura del Commissario Straordinario per l'Emergenza, Franco Gabrielli, ha reso noto che

nei prossimi giorni, pero', giungera' sull'isola un piccolo robot telecomandato,

il Rov (acronimo di Remote Operator Vehicle) che permettera' di giungere in nuove parti della nave.

Altri quattro cadaveri sono stati individuati nella parte sommersa,sul ponte quattro,della

Costa Concordia.

Si apprende da fonti vicine ai soccorritori.I corpi sarebbero stati trovati non distanti dagli altri quattro

ritrovati questa mattina.I soccorritori che hanno individuato il secondo gruppo di quattro cadaveri non

sono in grado, al momento, di indicarne il sesso. Lo rende noto la Protezione civile.In mattinata i vigili

del fuoco avevano individuato i corpi all’interno del ponte 4 della Costa “Concordia”.

Tra i cadaveri anche quello di Dayana Arlotti, 5 anni, di Rimini. La piccola si trovava in crociera

con il padre, Williams Arlotti,anche lui tra i dispersi.La salma della piccola Dayana Arlotti e’

stata trasferita all’obitorio dell’ospedale di Grosseto, insieme al feretro della quarta persona

recuperata questa mattinasul ponte 4 della Costa Concordia.

I corpi delle altre due persone recuperate questa mattina erano stati già traferiti.Sarebbero sette

i nuovi indagati dalla procura di Grosseto per il naufragio della Costa Concordia all’Isola del

Giglio. Secondo quanto si apprende,si tratterebbe di quattro ufficiali che si trovavano in plancia

al momento dell’impatto della nave con gli scogli e di tre funzionari di Costa Crociere.

I loro nomi si vanno ad aggiungere a quelli del comandante Francesco Schettino e

del primo ufficiale di plancia Ciro Ambrosio.Tra gli indagati per il naufragio della Costa

Concordia c’e’ il vicepresidente esecutivo della compagnia Manfred Ursprunger, responsabile

fleet operation.Gli altri due indagati tra il personale di terra sono, secondo quanto si apprende,

Roberto Ferrarini, capo dell’unita’ di crisi,e Paolo Parodi, fleet superintendent della nave.

 

consordia news

 

   

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL